Cos’è la tecnologia Blockchain?

By | 10 gennaio 2018

“La conseguenza pratica [… è …] per la prima volta, un modo per un utente di Internet di trasferire un pezzo unico di proprietà digitale a un altro utente di Internet, in modo che il trasferimento sia sicuro e protetto, tutti sanno che il trasferimento ha avuto luogo e nessuno può contestare la legittimità del trasferimento: le conseguenze di questa scoperta sono difficili da prevedere”.

– Marc Andreessen

 

In linea generale, una blockchain potrebbe non sembrare così diversa da cose che ti sono familiari, come ad esempio Wikipedia.

Con una blockchain, molte persone possono scrivere voci in un record di informazioni e una comunità di utenti può controllare come il record di informazioni viene modificato e aggiornato. Allo stesso modo, le voci di Wikipedia non sono il prodotto di un singolo editore. Nessuna persona controlla le informazioni.

Scendendo al livello del terreno, tuttavia, le differenze che rendono unica la tecnologia blockchain diventano più chiare. Mentre entrambi funzionano su reti distribuite (Internet), Wikipedia è incorporato nel World Wide Web (WWW) utilizzando un modello di rete client-server.

Un utente (client) con autorizzazioni associate al proprio account è in grado di modificare le voci di Wikipedia archiviate su un server centralizzato.

Ogni volta che un utente accede alla pagina di Wikipedia, otterrà la versione aggiornata della “copia master” della voce di Wikipedia. Il controllo del database rimane con gli amministratori di Wikipedia che consentono l’accesso e le autorizzazioni da parte di un’autorità centrale.

Il backbone digitale di Wikipedia è simile ai database altamente protetti e centralizzati che i governi, le banche o le compagnie assicurative mantengono oggi. Il controllo dei database centralizzati dipende dai loro proprietari, compresa la gestione degli aggiornamenti, l’accesso e la protezione dalle minacce informatiche.

Il database distribuito creato dalla tecnologia blockchain ha una dorsale digitale fondamentalmente diversa. Questa è anche la caratteristica più distinta e importante della tecnologia blockchain.

La “copia master” di Wikipedia viene modificata su un server e tutti gli utenti vedono la nuova versione. Nel caso di una blockchain, ogni nodo della rete sta arrivando alla stessa conclusione, ognuno aggiorna il record in modo indipendente, con il record più popolare che diventa il record ufficiale di fatto al posto di un master copy.

 

Le transazioni vengono trasmesse e ogni nodo crea la propria versione aggiornata degli eventi.

È questa differenza che rende la tecnologia blockchain così utile: rappresenta un’innovazione nella registrazione e distribuzione delle informazioni che elimina la necessità per una parte fidata di facilitare le relazioni digitali.

Tuttavia, la tecnologia blockchain, per tutti i suoi meriti, non è una nuova tecnologia.

Piuttosto, è una combinazione di tecnologie comprovate applicate in un modo nuovo. È stata la particolare orchestrazione di tre tecnologie (Internet, crittografia a chiave privata e un protocollo che disciplina l’incentivazione) che ha reso l’idea del creatore di bitcoin Satoshi Nakamoto così utile.

Il risultato è un sistema per le interazioni digitali che non richiede una terza parte affidabile. Il lavoro di protezione delle relazioni digitali è implicito – fornito dall’architettura di rete elegante, semplice e robusta della tecnologia blockchain stessa.

 

Definire la fiducia digitale

La fiducia è un giudizio di rischio tra le diverse parti, e nel mondo digitale, la determinazione della fiducia si riduce spesso alla dimostrazione dell’identità (autenticazione) e alla dimostrazione delle autorizzazioni (autorizzazione). In parole più semplici, vogliamo sapere: “Sei tu chi dici di essere?” e “Dovresti essere in grado di fare ciò che stai cercando di fare?” Nel caso della tecnologia blockchain, la crittografia a chiave privata fornisce un potente strumento di proprietà che soddisfa i requisiti di autenticazione. Il possesso di una chiave privata è proprietà. Inoltre, risparmia a una persona di dover condividere più informazioni personali di quelle necessarie per uno scambio, lasciandole esposte agli hacker.

L’autenticazione non è sufficiente. Autorizzazione: avere abbastanza denaro, trasmettere il tipo di transazione corretto, ecc., Ha bisogno di una rete distribuita peer-to-peer come punto di partenza. Una rete distribuita riduce il rischio di danneggiamento o guasto centralizzato. Questa rete distribuita deve inoltre essere impegnata nella conservazione e sicurezza della rete della transazione. L’autorizzazione delle transazioni è il risultato dell’intera rete che applica le regole su cui è stato progettato (il protocollo della blockchain).

L’autenticazione e l’autorizzazione fornite in questo modo consentono interazioni nel mondo digitale senza fare affidamento sulla fiducia (costosa). Oggi, gli imprenditori nelle industrie di tutto il mondo si sono resi conto delle implicazioni di questo sviluppo: sono possibili relazioni digitali inimmaginabili, nuove e potenti. La tecnologia blockchain è spesso descritta come la spina dorsale di un livello transazionale per Internet, la base di Internet of Value. In effetti, l’idea che chiavi crittografiche e libri misti condivisi possano incentivare gli utenti a proteggere e formalizzare le relazioni digitali ha un’immaginazione sfrenata. Tutti, dai governi alle aziende IT alle banche, stanno cercando di costruire questo livello di transazione.

L’autenticazione e l’autorizzazione, fondamentali per le transazioni digitali, sono stabilite come risultato della configurazione della tecnologia blockchain.

L’idea può essere applicata a qualsiasi esigenza di un sistema di registrazione affidabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *