Come funziona una macchina elettrica

By | 13 Agosto 2015

Le auto ibride, possiedono anche un motore a gas, mentre le auto elettriche sono alimentate esclusivamente da un motore elettrico. Le auto elettriche sono  la scelta per la mobilità  del futuro secondo i produttori.

Il campo è in maturazione e i veicoli elettrici offrono molti vantaggi. Non solo si riduce  la domanda di combustibili fossili, ma sono anche del tutto silenziosi. Essi  offrono la facoltà di sbarazzarsi dell’inquinamento del motore a benzina, perchè non presentano  fumi di scarto.

La batteria è la parte fondamentale  delle macchine elettriche. E’ anche il componente più pesante della macchina. La difficoltà maggiore a cui si va incontro è relativa al raggiungimento di  una buona carica per utilizzare l’auto tutto il giorno. La capacità di una batteria raggiunge 50 miglia prima che la batteria si possa scaricare. Siccome manca un alternatore, questo tipo di veicolo non si può caricare mentre si guida.

Ci vogliono diverse ore per caricare completamente la batteria. Dal momento che davvero poche  città possiedono stazioni di ricarica senza restrizioni, l’unico posto per caricare la batteria  è in casa. L’esistenza di una batteria è di pochi anni dopo di che, ha bisogno di essere sostituita. A causa della dimensione effettiva delle batterie, questo le rende incredibilmente care. Tuttavia, i costi di riparazione supplementari tendono ad essere moderati, perchè ci sono poche parti attive in questi veicoli.

Se la batteria è il cuore della vettura elettrica, il guidatore è l’intelligenza in quanto dice al motore che cosa fare. Esso opera  da collegamento tra la batteria e il motore, dettando la quantità di forza del motore che deve essere trasmessa alle ruote.

Quando il guidatore preme sul pedale del gas, il regolatore invia la potenza al motore per incrementare il movimento. Il regolatore di una macchina elettrica può essere  a corrente alternata (AC) o a corrente continua (DC).

Con un regolatore AC, la tensione continua della batteria è pulsata e disattivata tramite onde triple. La polarità della corrente continua viene trasposta 60 volte ogni secondo su sei set assortiti di transistor.

In un regolatore DC, gli impulsi vengono trasmessi al motore in maniera continua 15.000 volte ogni secondo. Può girare da 96-192 volt.

Il potenziometro è l’ambiente del regolatore. Ne esistono due collegati al regolatore e sono attaccati al pedale. Quando il guidatore preme sul gas, i due potenziometri realizzano delle comparazioni sull’incremento. Se viene regolata la tensione, avanzerà dal  regolatore al motore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *